Ricerca: Quali auto subiscono la maggiore svalutazione?

Maggio 20, 2022
Maggio 20, 2022

Ricerca: Quali auto subiscono la maggiore svalutazione?

by Tadas Švenčionis

Una volta uscita dalla concessionaria, la vostra auto nuova perde immediatamente una certa percentuale del suo prezzo al dettaglio. Mentre il valore dell’auto continua a diminuire nel tempo, alcuni modelli si svalutano più velocemente. Alla luce di tutto questo, abbiamo deciso di fare qualche ricerca per scoprire quali marchi di automobili sono più interessati dalla svalutazione.

Svalutazione dell’auto e valore residuo: cosa sono

La svalutazione dell’auto è la differenza tra il prezzo pagato per l’auto e il suo valore al momento in cui viene rivenduta:

  • Se hai comprato un’auto a $100.000 e l’hai rivenduta a $20.000 dopo 10 anni, significa che l’auto ha subito una svalutazione dell’80%
  • Questo ne porterebbe il valore residuo al 20%.

Mentre il chilometraggio e l’età sono due fattori che influenzano il prezzo del veicolo, diversi marchi di automobili perdono valore a percentuali diverse. In generale, i camion, i SUV basati su camion e le auto sportive conservano maggiormente il loro valore. 

  • In questa ricerca siamo principalmente interessati al valore residuo assoluto di un marchio di auto, cioè il punto oltre il quale il valore dell’auto smette di diminuire.

Il valore residuo è una misura essenziale quando si cerca di affittare un nuovo veicolo. Se due modelli hanno lo stesso prezzo ma un valore residuo diverso nel giro di pochi anni, anche i pagamenti mensili saranno diversi. Se si acquista un’auto con un buon valore residuo, si sarà in grado di venderla a un prezzo superiore rispetto ai modelli che si svalutano più velocemente.

Per identificare quali marchi di auto si svalutano di più, abbiamo analizzato oltre 72 milioni di unità di dati tra il 2019 e il 2022 negli Stati Uniti, in Europa e in Australia. Diamo un’occhiata ai risultati principali.

I 5 migliori marchi di auto con il miglior valore residuo

I 5 migliori marchi di auto con il miglior valore residuo

1. Porsche (-64,4%)

Sebbene Porsche produca auto sportive, i suoi modelli sono abbastanza pratici per la guida quotidiana. La 911 è probabilmente una delle auto più iconiche della storia automobilistica che vanta numerosissimi estimatori. Non c’è da stupirsi che la sua domanda superi l’offerta. Le auto Porsche sono affidabili, durature e hanno un aspetto distinto che attira i clienti.

Tuttavia, gli ultimi modelli Porsche, come Cayenne e Panamera, hanno in genere un valore residuo inferiore rispetto alla 911. 

2. Jeep (-84,4%)

Le Jeep sono note per la loro durata e le elevate prestazioni sia su asfalto che su strade sterrate. Anche se i loro costi di manutenzione possono essere sopra la media e considerando che non offrono un buon consumo di carburante, Jeep ha clienti fedeli che ignorano queste cose.

La Wrangler è uno dei modelli di Jeep più popolari, il cui design classico non è cambiato molto dalla sua uscita iniziale negli anni ’80. Jeep propone 10 diverse versioni della Wrangler, in modo che anche i piloti più esigenti possano trovare la loro preferita. Alimentata da motori V6 e V8, la Wrangler è sicuramente un’auto che ti aiuterà a sopravvivere anche alle condizioni più difficili. 

3. Mini (-85,5%)

Valide soluzioni ingegneristiche, design elegante e interni di alta qualità hanno reso MINI una leggenda. La MINI è stata lanciata nel 1959 e all’epoca fu la prima piccola vettura ad essere dotata di trazione anteriore. Fin dall’inizio della sua storia, MINI ha proposto veicoli con qualità di auto da corsa che si distinguono per aspetto ed esperienza di guida.

Le MINI sono state sempre popolari tra le celebrità e sono comparse tantissime volte in film e serie TV, il che ha aumentato ancora di più la popolarità e la reputazione del marchio.

4. Land Rover (-86,3%)

Land Rover propone SUV di prima classe che combinano lussuosi interni e soluzioni tecnologiche con qualità fuori strada. Range Rover, Discovery e Defender sono auto ambiziose dal prezzo elevato. Mentre molti proprietari non utilizzano mai al massimo la capacità di trazione integrale di Land Rover, di per sé l’auto è uno status symbol di benessere. 

Anche la regina Elisabetta possiede una Land Rover. In effetti, alcuni stimano che abbia posseduto circa 30 Land Rover nel corso del suo regno, supportando una delle più famose case automobilistiche britanniche.

5. Jaguar (-86,7%)

Proprio come le altre auto di questo elenco, le Jaguar sono eleganti, lussuose e attraenti. Anche se le Jaguar non sono state considerate affidabili per molti anni, gli ultimi modelli dimostrano che i critici si sbagliano. 

Jaguar è diventata famosa per la produzione di auto sportive e berline di lusso, ma di recente, è entrata nel mercato dei SUV e dei veicoli elettrici per espandere la sua gamma. 

Alcune delle prime Jaguar (come la XJ13 del 1966) costano milioni di dollari, ma si possono trovare modelli usati anche per qualche migliaio di dollari. Quando compri una Jaguar, paghi il marchio. Anche le Jaguar di seconda mano possono essere costose, aumentando il valore residuo complessivo del marchio.

I 5 marchi di auto più soggetti a svalutazione

I 5 marchi di auto più soggetti a svalutazione

1. Chrysler (-96,8%)

Se acquisti una Chrysler nuova, tra 25 anni il suo valore scenderà al 3,2%, rendendola il marchio di auto più svalutato di questo elenco. Nel corso degli anni, Chrysler ha emesso molti richiami e ricevuto molti reclami dai clienti.

Gli ultimi modelli Chrysler sembrano avere meno problemi, ma potrebbe volerci un po’ prima che i clienti tornino. Non c’è da meravigliarsi che le auto Chrysler abbiano un basso valore residuo e non siano popolari sul mercato dell’usato.

2. Audi (-96,2%)

Anche se Audi è uno dei marchi tedeschi di auto più rispettati, le sue auto si svalutano rapidamente. Audi offre ai conducenti soluzioni ingegneristiche di prima classe, ma i costi di manutenzione sono più elevati rispetto ai modelli più tradizionali. Sul mercato dell’usato, i clienti ricercano spesso soluzioni che offrano un risparmio economico e sono in genere disposti a pagare il lusso che i modelli più costosi sono in grado di offrire.

Se desideri un’esperienza di guida eccellente e di alta qualità, dovresti sicuramente optare per un’Audi. Tuttavia, acquistare un’auto nuova coperta da garanzia è una scelta più saggia che sborsare di tasca propria un sacco di soldi in riparazioni.

3. Seat (-95,8%)

Seat condivide molte parti con Volkswagen, il che lo rende un marchio affidabile e apprezzato. Inoltre, è un marchio più conveniente e meno costoso da riparare, perfetto quindi per i conducenti principianti.

Nonostante tutto, alla fine, le Seat raggiungono un basso valore residuo pari al 4,2% (all’età di 29 anni). Perché le Seat si svalutano così tanto? Se confrontiamo modelli Seat come l’Ibiza con i loro concorrenti diretti come la Peugeot 208 o la Citroen C4, notiamo che le Seat sono un po’ più conservatrici e meno eleganti. Sono la scelta giusta per chi cerca di risparmiare, ma non sono auto che si distinguono in strada. 

4. Škoda (-95%)

Škoda è un altro marchio che appartiene al Gruppo Volkswagen. Tuttavia, i suoi modelli sono più economici e in genere hanno un valore residuo inferiore. Sebbene non siano le auto più attraenti sul mercato, Škoda si è guadagnata la reputazione di auto familiare affidabile.

Come per Seat, il basso valore residuo di Škoda ha più a che fare con la mancanza di vibrazioni che con la qualità. Detto questo, mentre il valore delle Škoda diminuisce significativamente nel corso degli anni, acquistarne una usata è un vero affare.

5. Infiniti (-94,7%)

Infiniti è considerato un marchio di auto di prima classe, ma non è prestigioso come Mercedes-Benz o Lexus. La domanda di modelli Infiniti usati è bassa, con conseguente rapida svalutazione. Gli esperti di auto spesso sostengono che Infiniti non ha trovato la sua identità e spesso lo chiamano un “marchio quasi di lusso”.

Le auto usate raggiungono il loro valore più basso a diverse età

Le auto usate raggiungono il loro valore più basso a diverse età

L’età media in cui i veicoli raggiungono il loro valore residuo minimo è di 20-23 anni. Tuttavia, questo tempo varia in modo significativo da un marchio all’altro. 

Porsche e MINI raggiungono il minimo del valore al raggiungimento dei 15 anni. Superato questo tempo, il loro valore ricomincia a crescere. Suzuki, Isuzu, Kia e Dacia sono dalla parte opposta dello spettro, raggiungendo il valore minimo a 30 anni.

Perché le auto usate hanno un valore diverso?

Prendiamo ad esempio Toyota e BMW. Le auto Toyota raggiungono il loro valore più basso dopo di 19 anni, mentre per le BMW ci vogliono 21 anni. Toyota ha un valore residuo dell’11,3% (-88,7%), BMW di -6,2% (-93,8%). Quali fattori causano queste differenze?

BMW e altri marchi di auto di lusso in genere hanno caratteristiche e miglioramenti tecnologici che gli acquirenti di auto di seconda mano non apprezzano. Se potete permettervi una BMW, una Mercedes-Benz o una Land Rover nuova, probabilmente desiderate tutto il lusso e le innovazioni che potete ottenere. Una persona che cerca una macchina usata dà la priorità a prezzo e costi di manutenzione rispetto ad altre caratteristiche.

Toyota ha una base di clienti molto più vasta di BMW, in quanto offre auto convenienti e affidabili. Nel corso degli anni, Toyota si è costruita una buona reputazione tra i conducenti: i suoi veicoli non si rompono spesso e i costi di manutenzione sono relativamente bassi. 

Come calcolare la svalutazione dell’auto

Anche se prevedere il valore di un’auto nuova in 3 anni è relativamente facile, le cose si complicano quando superiamo la barriera dei 10 anni. È possibile trovare online diversi strumenti per il calcolo della svalutazione di auto, ma i risultati sono da prendere con le pinze. 

Dal momento che le case automobilistiche hanno in genere una vasta scelta di modelli, tutti raggiungono il loro valore più basso a velocità diverse. Ciò dipende da una serie di fattori, tra cui costi di manutenzione, motore, affidabilità, soddisfazione dei clienti e numero di unità di un particolare modello prodotte in totale.

Ecco un classico esempio. Negli anni ’90, la BMW fabbricò solo 891 esemplari della M5 E39 Touring. Di questi veicoli, 20 avevano il nome speciale “Elekta” e sono stati fabbricati per il mercato italiano. Alimentati da un motore da 3,8 litri da 335 CV, le Elekta sono state trattate inoltre con una vernice e uno stile di interni speciali. Trovare un’Elekta usata oggi è come cercare un ago in un pagliaio e bisogna essere pronti a spendere almeno $100.000 per parcheggiarne una nel garage.

Se stai cercando un’auto usata, prima controllane sempre la storia su https://www.carvertical.com/it. Tutto quello che devi fare è digitare il VIN del veicolo per sapere se il chilometraggio dell’auto è falsato e visualizzare la cronologia degli incidenti e delle immatricolazioni. A volte i venditori nascondono la storia dell’auto, soprattutto se il veicolo ha subito gravi danni in passato. 

Conclusione

Anche se la maggior parte delle automobili si svalutano nel corso degli anni, alcuni modelli come Elekta diventano più popolari e arrivano addirittura a costare di più rispetto al giorno in cui sono uscite dalla fabbrica. Se si acquista un’auto normale, probabilmente finirà in una discarica tra 20-30 anni. Ma una Porsche o una Jaguar durano molto più a lungo e possono anche essere un buon investimento a lungo termine.

Domande frequenti

Che cos’è la percentuale di svalutazione di un’auto?

La percentuale di svalutazione di un’auto è la differenza tra il prezzo al dettaglio di un veicolo e il suo valore al momento della vendita. Se hai comprato un’auto a $100.000 e l’hai rivenduta a $50.000 anni dopo, la percentuale di svalutazione è del 50%.

Quanto si svaluta un’auto ogni anno?

A seconda del marchio, il valore può scendere del 20-30% entro la fine del primo anno. In 5 anni, la maggior parte dei modelli di auto perde il 60-70% del valore iniziale. La percentuale di svalutazione dell’auto su un periodo di tempo più lungo dipende dai costi di manutenzione, dalla soddisfazione del cliente, dall’affidabilità e dal numero di unità di un particolare modello prodotte.

Come calcolare la svalutazione dell’auto?

Sottrai il valore di mercato dell’auto dal suo prezzo iniziale per calcolarne la svalutazione. È inoltre possibile utilizzare uno strumento per il calcolo della svalutazione dell’auto, che mostrerà come il prezzo cambia nel corso degli anni.