Come calcolare i costi di costi di gestione dell’auto?

Possedere un’auto al giorno d’oggi non è più un lusso: spesso ogni membro della famiglia ne possiede una. Dal momento che ogni persona ha esigenze diverse, esiste sempre un’auto perfetta per tutti. L’acquisto di un veicolo può non essere così oneroso, ma sono i costi di gestione dell’auto che possono rovinarti la vita.

Sia che si tratti di un’auto nuova che di una usata, dovrai spendere soldi per la manutenzione ordinaria. Le auto usate, però, sono molto più costose, in quanto non si hanno garanzie e qualsiasi componente può richiedere di essere sostituito in tempi brevi.

Puoi acquistare un’utilitaria di 5 anni fa, con plastiche scadenti che ricoprono ogni parte dell’abitacolo, oppure una berlina grande e potente di 15 anni, con pelle a volontà, allo stesso prezzo. Quest’ultima scelta è allettante, ma tutto dipende dai costi di acquisto e di gestione. Scopriamo quanto sia costoso mantenere la tua auto o quella che stai per acquistare.

Cerchi un'auto affidabile?

Un'auto ben mantenuta e non danneggiata è la più affidabile! Controlla il numero di telaio per assicurarti che non stai acquistando un rottame:

Principali costi di gestione

Non preoccupiamoci dei costi di manutenzione più gravosi e concentriamoci prima sui costi operativi principali del veicolo. Indipendentemente dall’auto che acquisterai, i costi di gestione saranno sempre gli stessi, l’unica cosa che cambia è la loro entità.

Costo del carburante

Forse carburante dovrebbe essere tra virgolette, perché l’elettricità è di moda quanto il gasolio o la benzina. In ogni caso, i costi del carburante si accumulano molto rapidamente quando si possiede un’auto e possono variare da 4 a 40 centesimi per chilometro. Le auto elettriche di solito offrono i costi di carburante più bassi, ma se sei interessato ai motori a combustione interna, i motori di piccole dimensioni dovrebbero offrire un’esperienza simile, soprattutto quelli diesel.

Sebbene i motori diesel siano più economici di quelli a benzina, sono anche più complessi. Ad esempio, la maggior parte dei moderni motori diesel utilizza più pompe del carburante perché la pressione richiesta è circa dieci volte superiore a quella dei motori a benzina.

Quindi, informati sul consumo di carburante specificato per un determinato modello e non aspettarti nulla di meno.

Pneumatici

Solo gli pneumatici garantiscono il contatto tra la tua auto e la strada, e questo spiega perché la scelta corretta degli pneumatici sia così importante. Un buon set di pneumatici può costare tra i 200 e i 1500 euro, il che si aggiunge al costo reale del possesso dell’auto.

Di solito, gli pneumatici per tutte le stagioni sono più economici nel lungo periodo perché non è necessario portare l’auto a sostituire gli pneumatici due volte l’anno. Anche se è necessario riequilibrare le ruote di tanto in tanto, molti automobilisti montano pneumatici per tutte le stagioni e se ne dimenticano finché non si consumano.

Alcuni automobilisti scelgono pneumatici usati, che non durano più di due anni. Tuttavia, quelli nuovi dovrebbero durare almeno tre o quattro anni.

La durata dipende dalla qualità dello pneumatico: i marchi economici di solito si concentrano solo su alcune caratteristiche e non si preoccupano di migliorarne altre. Ad esempio, possono offrire una buona trazione e bassi livelli di rumorosità, ma la loro durata sarà breve. Solo le marche di qualità superiore riescono a combinare tutto, ma ovviamente ad un prezzo elevato.

Pezzi di ricambio

Prendiamo come esempio le pastiglie dei freni. Anche se sembrano tutte simili, le pastiglie dei freni anteriori per la Hyundai possono costare circa 30 euro, mentre per acquistarle per la tua Jaguar potrebbero volerci 60 euro. Tutti i componenti, dalle sospensioni all’elettronica, costano di più se il veicolo è prodotto da un marchio di lusso.

E non dimenticare i costi della manodopera, che possono variare da 30 a 300 euro all’ora. Inoltre, un automobilista medio non è in grado di eseguire da solo molte operazioni di manutenzione, a parte il cambio dell’olio e dei filtri: le auto moderne sono piene di sensori e motori elettronici. Alcuni modelli richiedono uno strumento di diagnostica persino per sostituire i tergicristalli!

Immatricolazione, assicurazione, revisione, tasse

L’immatricolazione, l’assicurazione e il tagliando dell’auto sono obbligatori nella maggior parte dei Paesi, ma possono essere richieste anche delle tasse aggiuntive.

Il costo effettivo dell’immatricolazione di un’auto può variare a seconda del tipo di auto, della cilindrata e della data di produzione ed è comune anche una tassa di immatricolazione fissa.

L’assicurazione auto ti protegge da spese importanti, che possono verificarsi anche dopo un piccolo incidente. È obbligatoria in quasi tutti i Paesi e i costi dipendono dall’esperienza del conducente e dal tipo di auto.  I potenti SUV e le berline di lusso sono solitamente più costosi da assicurare per due motivi: la carrozzeria è più costosa e la possibilità di fare un incidente è molto più alta quando si hanno 300 cavalli sotto i piedi.

Il tagliando è un’ispezione periodica obbligatoria dell’auto che comprende test sulle emissioni di scarico, sulle sospensioni, sul motore e sui sistemi di sicurezza. A seconda del paese, il tagliando è richiesto ogni 20 mila chilometri. Assicurati di conoscere tutte le possibili tasse di immatricolazione prima di acquistare un’auto.

Riparazioni impreviste

officina riparazioni auto, officina auto, servizio auto, auto in garage, auto in riparazione

Qualsiasi auto può comportare grosse spese all’improvviso, soprattutto se in passato si è trascurata la manutenzione ordinaria. La cosa peggiore è che questi problemi sono molto comuni e alcuni di essi comportano i costi di riparazione più onerosi.

Cinghia o catena di trasmissione spezzata

La maggior parte dei motori a combustione interna utilizza catene o cinghie di distribuzione per sincronizzare l’albero a gomiti con quello a camme. Basta che saltino due o più denti di un ingranaggio per danneggiare il motore. Gli esperti consigliano di sostituire la cinghia di trasmissione ogni 100.000-160.000 chilometri, mentre per la catena si parla di 120.000-190.000 chilometri, a meno che le raccomandazioni del produttore non siano diverse.

Anche i tensionatori e le guide del sistema di trasmissione devono essere sostituiti insieme alle catene e alle cinghie, perché ognuno di essi svolge un ruolo importante. Le catene e le cinghie si allungano, i tensionatori si indeboliscono e le guide si usurano.

Inoltre, si consiglia di sostituire la trasmissione subito dopo l’acquisto di un’auto di seconda mano, a meno che non si abbia la prova che l’operazione sia stata effettuata di recente.

Ricostruzione del cambio

Il cambio automatico è di solito la parte più complessa di un’auto moderna. I costi di riparazione sono elevati e non sono molti gli specialisti qualificati a lavorarci.

L’olio di scarsa qualità è il nemico più noto di una trasmissione. Molte case automobilistiche dichiarano che il fluido della trasmissione deve essere cambiato solo ogni 100.000-160.000 chilometri.  Tuttavia, i meccanici consigliano di farlo almeno due volte in questo lasso di tempo.

Alcune parti, come il cuscinetto di sgancio della frizione o il disco della frizione, si consumano più rapidamente di altre. Dovresti sempre essere preparato a questo problema, indipendentemente dalla frequenza con cui cambi l’olio della trasmissione.

Sostituzione della batteria (auto ibrida o elettrica)

Le auto ibride ed elettriche sono di gran moda e sarebbero ancora più popolari se esistesse una soluzione più economica per le batterie che si deteriorano rapidamente. Non solo le auto elettriche hanno un’autonomia limitata, ma anche la durata della batteria non è elevata.

Le batterie sono costose, così come le auto elettriche, che ne sono ricche. Inoltre, le batterie durano circa 8-10 anni o 160.000 chilometri. La sostituzione delle batterie di un’auto ibrida costa circa 4700 euro, il doppio per un’auto completamente elettrica.

Sostituzione della pompa del carburante ad alta pressione

I motori delle auto moderne sono sempre più efficienti grazie a tecnologie innovative, come turbocompressori e sistemi di alimentazione migliorati. I sistemi di alimentazione moderni non sono molto diversi da quelli delle auto di 20 anni fa: la differenza più grande sta nella pompa e negli iniettori.

La pompa del carburante e gli iniettori sono molto costosi da sostituire o riparare, soprattutto nei motori diesel. Ad esempio, la pressione nei sistemi diesel “common rail” può raggiungere i 2000 bar, mentre i moderni motori a benzina utilizzano solo 130-140 bar.

La parte peggiore è che le pompe del carburante usurate finiscono per rilasciare piccole schegge di metallo nel sistema e si finisce per sostituire non solo la pompa, ma anche i tubi del carburante, i sensori e persino gli iniettori. Si parla di centinaia, se non migliaia di euro di spese.

Attenzione alle minacce nascoste

Molti venditori di auto cercano di nascondere vari difetti e problemi. Ogni problema non riscontrato rappresenta per te un costo aggiuntivo per l’acquisto. Alcune insidie nascoste possono essere rivelate solo da un meccanico esperto, ma ci sono alcuni aspetti che puoi controllare da solo.

Frode del contachilometri

contachilometri, pannello dell'auto, tachimetro, al volante

La modifica del contachilometri è illegale in molti paesi, ma i venditori di auto trovano ancora vari modi per imbrogliare e ingannare gli acquirenti facendo loro credere che il chilometraggio reale sia molto più basso. Il problema è arrivato al punto che è difficile trovare un’auto con i dati reali del contachilometri: in alcuni paesi europei, il 30%-50% delle auto importate ha un chilometraggio falso.

Come individuarlo? Gli automobilisti percorrono in media 20.000-24.000 chilometri all’anno. Certamente, in alcuni casi è possibile vedere numeri inferiori, ma in questo caso c’è anche una grande possibilità di modifiche del contachilometri.

Perché questo dato è importante per calcolare i costi di gestione di un’auto? Molte auto devono essere sottoposte a manutenzione ogni 100.000-200.000 chilometri e questo include la sostituzione della catena di trasmissione o della cinghia, la riparazione dell’impianto di alimentazione e così via.

Molti componenti originali delle sospensioni si usurano dopo circa 200.000 km. Per questo motivo, i venditori di auto vogliono farti credere che i precedenti proprietari abbiano già effettuato tutti questi interventi di manutenzione di recente. La verità è che il chilometraggio reale può superare i 500.000 km e a questo punto potrebbe essere necessario eseguire una costosa manutenzione per mantenere l’auto in strada.

Oggi i decodificatori del numero di telaio aiutano i clienti a scoprire informazioni importanti sull’auto a cui sono interessati, tra cui il chilometraggio reale.

Ruggine

I problemi di corrosione della carrozzeria sono molto irritanti e difficili da riparare. Se non vedi ruggine sull’auto che ti interessa, non significa che non ce ne sia.

I punti più esposti alla corrosione sono la parte inferiore dell’auto, i passaruota, l’area intorno al parabrezza e al tettuccio, il cofano del bagagliaio e persino la parte anteriore dell’auto (piccole schegge causate da rocce).

I venditori spesso nascondono male la ruggine, quindi controlla se la carrozzeria sia rovinata, se ci sono macchie di vernice nuova e se ci sono aree sospette. Tieni presente che anche un piccolo punto di ruggine si diffonderà in un anno o due e aggiungerà ulteriori spese ai costi di gestione.

Preparati a spendere almeno 100 euro per riparare ogni parte colpita dalla ruggine. E se si tratta di riverniciare l’intera carrozzeria, dovrai affrontare spese a quattro zeri.

Un passato spiacevole

I problemi con i libretti di circolazione sono tanto comuni che il controllo dello storico di un veicolo dovrebbe essere un’abitudine di tutti. Ad esempio, potresti acquistare per sbaglio un’auto che in precedenza è stata utilizzata come taxi, noleggio o auto della polizia.

Questi veicoli tendono ad accumulare chilometri più rapidamente perché vengono utilizzati costantemente e potrebbero non ricevere lo stesso livello di manutenzione e cura delle auto di proprietà privata. Questo, a sua volta, può contribuire ad accelerare l’usura, con ripercussioni sul tuo comfort e potenziali danni ai componenti dell’auto.

Controlla il tuo numero di telaio

Evita costosi problemi controllando lo storico del veicolo. Ottieni un report istantaneo!

Oltre ai problemi dell’auto, un report sullo storico del veicolo può anche rivelare gli incidenti passati e i relativi costi di riparazione stimati, se tali informazioni sono disponibili. Questo può aiutarti a valutare il livello dei danni subiti, a sottoporli all’attenzione di un meccanico professionista e a valutare se le (scarse) riparazioni precedenti possano contribuire alle spese future legate all’auto.

rapporto sullo storico del veicolo, danni, costi di riparazione approssimativi, danni gravi, danni all'auto, incidente d'auto

Svalutazione

Per quanto tempo puoi vivere senza cambiare la tua auto? Alcune persone utilizzano un’auto per tutta la vita, mentre altre desiderano mantenere una certa frequenza nel cambio del proprio veicolo, sostituendolo ogni pochi anni. In quest’ultimo caso, dovresti preoccuparti della svalutazione delle auto.

La perdita di valore di un’auto è dovuta a due fattori: il naturale deprezzamento dei veicoli e la scarsa manutenzione. Le grandi e lussuose berline e i SUV perdono valore molto rapidamente perché diventano ogni anno più costose: queste auto sono dotate di ogni tipo di funzionalità che possono guastarsi in qualsiasi momento.

In breve: di solito, più è costosa la manutenzione di un’auto specifica e più velocemente si svaluterà.

Come riassumere il tutto?

Sono molte le informazioni da elaborare che ti aiutano a comprendere i costi complessivi di gestione di un’auto. Ora è il momento di tirare le somme e vedere i numeri.

Un semplice calcolo

Puoi fare un semplice calcolo in tempi relativamente brevi. Non preoccuparti dei problemi specifici del modello e concentrati sui principali costi di gestione:

  • Costo del carburante: anche una piccola differenza di consumo diventa importante nel lungo periodo. Moltiplica il consumo specificato per il numero di chilometri che percorri in un mese o in un anno.
  • Pneumatici: i più costosi sono quelli che non rientrano nella categoria standard. Ad esempio, pneumatici fuoristrada alti, bassi, larghi e sportivi.
  • Costo dell’assicurazione – puoi utilizzare diversi programmi di calcolo dell’assicurazione auto forniti dalle compagnie assicurative del tuo paese. Principalmente le dimensioni del motore, il tipo di carrozzeria e la classe di appartenenza dell’auto influiscono sul prezzo dell’assicurazione.
  • Costo di immatricolazione – supponiamo che l’auto che ti interessi sia in regola con la revisione, perciò controlla le spese di immatricolazione nel tuo paese per evitare spiacevoli sorprese.

Also, don’t forget the first maintenance cost, as there always is something like blown bulbs or dirty seats. On the other hand, if the seller was lazy enough to ignore faulty bulbs before selling his car – he probably didn’t do any maintenance, right?

Calcolo dettagliato

Oltre ai costi di carburante, pneumatici, immatricolazione e altri costi di base, dovresti esaminare anche i costi dei ricambi più richiesti: pastiglie e dischi dei freni, filtri, pompa dell’acqua, radiatori e ammortizzatori. Confrontali con quelli di altri modelli di auto.

Se sai più o meno quale modello stai per acquistare, cerca le recensioni e i resoconti dei consumatori di quel particolare modello. In questo modo potrai conoscere i rischi maggiori e i problemi più comuni di quel modello specifico. Uno dei peggiori inconvenienti: l’acquisto di un’auto che è soggetta a corrosione e/o ai problemi menzionati nelle riparazioni impreviste.

Si consiglia di inserire il numero di telaio in un decodificatore di numeri di telaio online, altrimenti non potrai sapere quale auto è stata utilizzata come taxi o come auto della polizia.

I costi di gestione e di possesso dell’auto non sono così elevati se sai cosa aspettarti, soprattutto se puoi evitare molte spese impreviste.

Evaldas Zabitis

Evaldas scrive dalle scuole medie e da sempre ha una passione per le auto. Subito dopo aver preso la patente, ha speso tutti i suoi risparmi in auto scadenti per poter passare il tempo a ripararle, guidarle e venderle. L'interesse di Evaldas per le innovazioni tecniche del settore automobilistico è costante e partecipa attivamente alle discussioni della community del settore.