7 problemi comuni delle auto usate di cui dovresti essere consapevole

Renata Liubertaitė

Renata Liubertaitė

Raramente sai cosa aspettarti quando acquisti un’auto usata. Tutte hanno una storia alle spalle e con il passare del tempo sei destinato a scoprire diverse cose che non vanno, che si tratti di una misteriosa spia sul cruscotto o di un insolito ronzio del motore.

Pertanto, armarsi di conoscenza è vitale per affrontare al meglio il processo di acquisto di un’auto usata.

In questo articolo, scoprirai alcuni problemi comuni delle auto usate che di solito si nascondono sotto la superficie ed imparerai ad evitare di acquistare un veicolo che ti riserverebbe solo brutte sorprese.

Le auto usate nascondono segreti invisibili

Scoprirli tutti! Basterà inserire il numero di telaio e fare click sul pulsante:

Ottieni il report

1. Surriscaldamento del motore dell’auto

Tra i problemi maggiormente frequenti e fastidiosi delle auto usate c’è il surriscaldamento del motore. Esso si verifica quando la temperatura del motore supera il suo normale intervallo di funzionamento, il che può danneggiare vari componenti del motore causando un guasto.

surriscaldamento del motore
Fonte: Petr Smagin / Shutterstock

Possono esserci molte ragioni per cui il motore della tua auto si surriscalda. Ad esempio, bassi livelli di liquido refrigerante possono ostacolare l’efficace regolazione della temperatura del motore; un termostato bloccato o una pompa dell’acqua usurata, responsabile della circolazione del liquido refrigerante, possono altresì creare problemi.

Fortunatamente, verificare se il motore si surriscalda prima di acquistare un veicolo usato non è così difficile. Il modo più semplice per farlo è fare un test drive più lungo, osservando attentamente le variazioni di temperatura e i potenziali problemi una volta che il motore si è riscaldato.

Indipendentemente dalla causa, un motore surriscaldato non è qualcosa da far passare in cavalleria, poiché la riparazione o la sostituzione del motore possono essere molto costose.

Segnali di surriscaldamento del motore

La notizia relativamente buona è che se la tua auto usata inizia a surriscaldarsi, sarai in grado di notare dei chiari segnali. In genere, tra essi figurano:

  • Un indicatore della temperatura in aumento o una spia accesa sul cruscotto sono tra i segnali più evidenti del superamento della temperatura di esercizio del motore.
  • Vapore o fumo che fuoriescono dal cofano.
  • Cofano caldo che riesci a malapena a toccare.
  • Odori insoliti emessi dal motore surriscaldato, spesso simili a un odore dolce o chimico.
  • Strani ticchettii che indicano che il processo di lubrificazione tra le parti mobili del motore è fallito.
  • La potenza ridotta del motore che impedisce alla tua auto di stare al passo con il traffico.
  • Del liquido refrigerante sotto il veicolo in sosta può indicare un surriscaldamento del motore.

Se noti uno qualsiasi di questi segnali mentre guidi, accosta in tutta sicurezza e spegni il motore. In questo modo, puoi prevenire potenziali danni (che potrebbero addirittura portare a un incendio) e iniziare ad affrontare immediatamente il problema.

2. Malfunzionamento del cambio

Indipendentemente dal fatto che la trasmissione dell’auto sia automatica o manuale, il suo malfunzionamento è un altro problema comune che affrontano i proprietari di auto usate.

A seconda del tipo di trasmissione, un malfunzionamento può manifestarsi in modi diversi. Per esempio, se guidi un’auto con cambio automatico, potresti riscontrare uno slittamento della trasmissione; un problema tipico nelle auto con cambio manuale invece, è la difficoltà nel cambiare marcia, molto comune nelle auto moderne, che può essere causato da una frizione che trascina e rendere difficile o addirittura impossibile cambiare marcia.

Inutile dire che il malfunzionamento della trasmissione richiede la tua immediata attenzione, poiché comporta seri problemi di sicurezza.

surriscaldamento del motore
Fonte: Jean-Philippe Delberghe / Unsplash

Quali sono i segni più comuni di un guasto alla trasmissione?

Oltre allo slittamento della trasmissione e alla difficoltà nel cambiare marcia, ecco alcuni altri segnali di allarme, che indicano che il tuo veicolo potrebbe aver bisogno di una riparazione della trasmissione:

  • Rumori insoliti. Sebbene i rumori strani possano indicare molti problemi diversi, un problema al cambio può essere uno di questi. Di solito, i cambi automatici difettosi emettono suoni sotto forma di sibilo, ronzio o più squillanti, mentre le trasmissioni manuali emettono suoni meccanici forti, spesso improvvisi.
  • Perdite di liquidi. Poiché il sistema di trasmissione si basa sull’equilibrio tra pressione del fluido e lubrificazione, la perdita di liquido della trasmissione è un chiaro segnale di un potenziale guasto della trasmissione.
  • Odore di bruciato. Può indicare che la trasmissione si sta surriscaldando o che il fluido sta bruciando.
  • Rumori di frizione o vibrazioni. La tua auto stride o vibra mentre cambi marcia o premi il pedale dell’acceleratore? È probabile che ciò sia correlato a problemi di trasmissione.
  • Accelerazione o decelerazione improvvisa dell’auto. Un malfunzionamento della trasmissione può far sì che la tua auto acceleri o deceleri, anche mantenendo una pressione costante sull’acceleratore.
  • Cambio marcia ritardato. Cambiare la marcia correttamente dovrebbe essere facile con una trasmissione funzionante. L’esitazione o il ritardo nel cambio di marcia sono il primo indizio che qualcosa è andato storto.
  • Spia del motore accesa. Sebbene lo scopo principale della spia di controllo motore sia avvisarti di potenziali problemi con il motore e i suoi sistemi associati, essa è collegata al sistema diagnostico integrato del veicolo, che monitora vari componenti e sistemi, inclusa la trasmissione.

3. Pastiglie dei freni o dischi usurati

Il sistema frenante è costituito da numerose componenti mobili strettamente collegate ed è fondamentale per il corretto funzionamento di qualsiasi veicolo. Naturalmente i suoi diversi componenti possono usurarsi nel tempo, influenzando anche altri elementi.

pastiglie dei freni
Fonte: LightField Studios / Shutterstock

Poiché le pastiglie e i dischi dei freni sono sottoposti a costante attrito e calore durante la frenata, spesso diventano il bersaglio principale quando si tratta di problemi all’impianto frenante nelle auto usate.

La velocità con cui si consumano o la frequenza con cui sostituirli dipende da vari fattori, tra cui le condizioni e lo stile di guida. Si consiglia di sostituire le pastiglie dei freni ogni 40.000 – 105.000 chilometri, mentre bisognerebbe cambiare i dischi dei freni ogni 48.000 – 112.000 chilometri.

Come capire che è il momento di sostituire le pastiglie dei freni o i dischi?

Per quanto riguarda le pastiglie dei freni, è possibile notare se sono consumate semplicemente guardandole. Naturalmente, un meccanico professionista potrà dirti di più di quanto tu riesca ad osservare coi tuoi occhi (poiché non è possibile vedere la parte interna delle pastiglie senza smontare la ruota), ma per avere un’idea di base della situazione, se le ruote della tua auto hanno un design aperto, puoi controllare tu stesso la pastiglia esterna del freno.

Per quanto riguarda i dischi dei freni, uno dei segnali più comuni di usura è la vibrazione del volante durante la frenata. Se i dischi che aiutano a fermare l’auto non sono più così lisci, possono causare un funzionamento non uniforme dei freni, provocando leggere vibrazioni dell’auto.

4. Ammortizzatori e sospensioni usurati

Il sistema di sospensione di un veicolo è responsabile del mantenimento di una guida confortevole e controllata, pertanto qualsiasi piccolo problema alle sospensioni può influire sulla tua esperienza di guida e sulla sicurezza. Se avverti che le irregolarità della strada sembrano essere diventate significativamente più evidenti di recente, è probabile che il problema sia dovuto agli ammortizzatori e alle sospensioni della tua auto.

Con il passare del tempo, gli ammortizzatori e le sospensioni possono usurarsi a causa di vari fattori, tra cui chilometraggio, condizioni stradali, carichi pesanti, stile di guida o fattori ambientali. Tutte queste criticità si acuiscono col tempo, ed è per questo che i problemi alle sospensioni sono più comuni nelle auto usate.

Segnali di ammortizzatori e sospensioni usurati

  • Aumento del rimbalzo. Un veicolo che rimbalza più del solito dopo aver attraversato un dosso o un avvallamento, può indicare che gli ammortizzatori o le sospensioni non funzionano più in modo efficace.
  • Scarsa manovrabilità. Il tuo veicolo potrebbe diventare più difficile da controllare, specialmente in curva o nelle manovre improvvise.
  • “Inclinazione del muso” o affondamento. Se il tuo veicolo ha problemi alle sospensioni, durante l’accelerazione o la frenata potresti notare che la parte posteriore si ritrae (affondamento) o che la parte anteriore si abbassa eccessivamente (inclinazione del muso).
  • Rumori sordi, colpi o crepitii provenienti dalla zona delle sospensioni possono suggerire che alcuni componenti sono allentati o danneggiati.

Poiché un’auto con problemi alle sospensioni è generalmente instabile su strada, ciò si traduce spesso in un’usura irregolare degli pneumatici. Pertanto, puoi iniziare a sospettare che ci sia qualcosa che non va nelle sospensioni della tua auto ispezionando attentamente i suoi pneumatici.

5. Guasto della batteria

batteria per auto con clip
Fonte: Julia Avamotive / Pexels

Il guasto della batteria è un altro problema comune nelle auto usate, pertanto ti consigliamo di chiedere informazioni sulla storia della batteria e su eventuali registri di manutenzione al momento dell’acquisto.

Se riscontri qualcosa di insolito nella tua auto attuale, ad esempio, una significativa diminuzione dell’intensità dei fari e dell’illuminazione interna quando cerchi di avviare il veicolo, valuta di controllare la batteria. Nelle auto moderne, il guasto della batteria è spesso accompagnato dall’accensione della spia della batteria sul cruscotto.

Ecco alcuni fattori che possono causare guasti alla batteria nelle auto usate:

  • Età della batteria. In condizioni ideali, la batteria di un’auto dura spesso fino a cinque o sei anni, quindi è importante considerare l’età della batteria se stai pensando di acquistare un’auto usata.
  • Manutenzione. La manutenzione regolare della batteria, come la pulizia dei terminali e la verifica dei corretti collegamenti, può contribuire a prolungarne la durata.
  • Temperature estreme. Nelle aree con condizioni meteorologiche avverse (estremamente calde o fredde), le batterie potrebbero guastarsi prima nelle auto che non sono state ben manutenute.
  • Inattività. Se non utilizzi molto la tua auto, la batteria può perdere la carica e può formarsi dello zolfo sulle piastre, riducendone la capacità.
  • Problemi elettrici. La batteria potrebbe non caricarsi correttamente se l’auto presenta problemi elettrici, portando così a un guasto prematuro.

In ogni caso, se riscontri problemi alla batteria di un’auto usata, falla controllare o, se necessario, falla sostituire da un meccanico di fiducia per evitare guasti imprevisti.

6. Catalizzatore intasato

I veicoli moderni sono incompleti senza convertitori catalitici, il cui compito è di filtrare gli inquinanti nocivi e i gas tossici prodotti dalle automobili. È un componente obbligatorio del sistema di scarico dell’auto ed è anche costoso da sostituire se qualcosa va storto – e talvolta succede.

Di tanto in tanto, la maggior parte delle auto esegue una rigenerazione del filtro antiparticolato (DPF), durante la quale il particolato intrappolato si riscalda abbastanza da bruciare e trasformarsi in cenere, pulendo il convertitore catalitico e il filtro antiparticolato diesel. Tuttavia, questa funzione spesso fallisce, causando un intasamento del catalizzatore o del DPF.

Se il convertitore catalitico della tua auto è bloccato o limitato, il gas tossico intrappolato nel motore può riscaldarsi fino al punto di accensione. Ciò può influire negativamente sulle prestazioni del veicolo, sulle emissioni e sul funzionamento complessivo, danneggiando nel tempo componenti cruciali del motore.

batteria per auto con clip
Fonte: Ulianenko Dmitrii / Shutterstock

Come capire se il tuo catalizzatore è intasato?

I problemi nell’avviamento dell’auto sono solitamente uno dei primi segni di un convertitore catalitico intasato. Un altro problema correlato è la riduzione delle prestazioni del motore, poiché i gas nocivi rimangono bloccati nella camera di combustione, causando un’accelerazione ridotta e un aumento del ritardo del motore.

Indipendentemente dal sintomo, un convertitore catalitico intasato può attivare il sistema di diagnostica a bordo del veicolo, provocando l’accensione della spia del motore o di un’altra spia sul cruscotto. Quindi, se sospetti che la causa del problema sia il convertitore catalitico, puoi utilizzare uno scanner OBD2 per determinare se è vero.

7. Problemi estetici

Sebbene i problemi estetici non siano problemi meccanici e non influiscano realmente sulla funzionalità di un veicolo, alcuni di essi sono comunque importanti da risolvere per motivi di sicurezza o per potenziali problemi che potrebbero causare in futuro. Le imperfezioni visive possono variare notevolmente in termini di gravità e includere graffi, crepe e segni di usura.

Ad esempio, i danni alla vernice sono un tipo comune di danno estetico e una delle prime cose che noti in un’auto. Potrebbero sembrare un problema minore, ma in realtà i danni alla vernice non dovrebbero essere trascurati per diverse ragioni:

  • I danni alla vernice possono compromettere significativamente l’estetica e ridurre il valore di rivendita di un’auto.
  • Poiché la vernice funge da strato protettivo contro gli agenti atmosferici, i danni alla vernice possono portare a ruggine e corrosione, causando potenzialmente danni strutturali e influenzando la longevità dell’auto.
  • Anche danni minori alla vernice possono aggravarsi se non vengono affrontati, ad esempio, a causa di umidità, sbalzi di temperatura e altri fattori.
ruggine sulla maniglia di un'auto
Fonte: Dmitrii Smirnov / Shutterstock

L’usura degli interni è un altro aspetto estetico, ma può anche aiutare a individuare alcune incongruenze sull’auto. Ad esempio, se il volante, il sedile del conducente, i pedali e il cambio di un veicolo sembrano usurati ma il chilometraggio dell’auto è basso, dovresti controllare il contachilometri per individuare eventuali segni di manomissione.

I problemi con le luci e gli indicatori, sono a volte difficili da individuare a meno che non inizino ad appannarsi o a raccogliere acqua all’interno. Se i fari della tua auto sembrano nuovi ma noti uno dei problemi menzionati, può indicare che sono stati cambiati in passato o riparati male.

3 cose da fare prima di acquistare un’auto usata

La chiave per evitare i problemi più comuni delle auto usate è conoscere il più possibile un veicolo prima di concludere l’affare. Identificare potenziali problemi può aiutarti a prendere decisioni più informate, a pianificare meglio le tue finanze ed evitare visite inaspettate in officina in futuro.

Ispeziona un’auto usata prima di acquistarla

Non eseguire un’ispezione professionale è uno dei più grandi errori commessi dagli acquirenti di auto usate. Ogni auto ha la sua storia e non sai mai a cosa potresti andare incontro se eviti di farla controllare da un meccanico qualificato.

Per evitare potenziali problemi finanziari e di sicurezza in futuro, ispeziona un’auto usata prima di acquistarla, in modo da poter sapere se sono necessarie eventuali riparazioni importanti. Assicurati che il meccanico esegua anche un test diagnostico dell’auto, poiché molti problemi possono essere rilevati solo dopo una scansione diagnostica.

Controlla la sua storia

rapporto sulla storia del veicolo
Fonte: carVertical

Il controllo dello storico dell’auto è un modo affidabile per saperne di più sul veicolo che stai per acquistare. Tutte le auto hanno i propri numeri univoci chiamati VIN, o numero di identificazione del veicolo.

Inserendo questo numero in un decoder VIN, puoi ottenere preziose informazioni sul passato di un’auto, compresi i record di danni, la storia degli incidenti, le letture del contachilometri, le specifiche originali e altro ancora.

Controlla il tuo numero di telaio

Evita costosi problemi controllando lo storico del veicolo. Ottieni un report istantaneo!

Scegli la modalità di inserimento tra numero di telaio o targa

IT

Non saltare i controlli periodici

La manutenzione regolare dell’auto è un “rituale” cruciale che ogni proprietario di auto coscienzioso dovrebbe fare suo. Aiuta la tua auto a funzionare senza intoppi, indipendentemente dal motore, dal tipo di trasmissione o dall’età, e ti consente di individuare potenziali problemi prima che sia troppo tardi.

Domande frequenti

Renata Liubertaitė

Articolo di

Renata Liubertaitė

Renata è una scrittrice con oltre 8 anni di esperienza nell'editoria, nel marketing e nelle aziende SaaS. Scrivendo in vari settori e trattando argomenti altamente tecnici, ha imparato a trasformare argomenti complessi in qualcosa di comprensibile per tutti. Quando non scrive per carVertical, ama dedicarsi al bricolage e fare giri in bici.